MENUMENU
  • i nostri esperti
  • temi trattati
      • Italia

      • geodemos

      • mondo

      • migrazioni e stranieri

      • famiglie fecondità e welfare

      • anziani, salute e mortalità

      • giovani, istruzione e lavoro

  • pubblicazioni
      • Geodemografia 2018. Tredici scritti per meglio comprendere il mondo

      • I suoi primi quarant’anni. L’aborto ai tempi della 194

      • Verso la metà del secolo: un’Italia più piccola?

      • ius soli e ius culturae. Un dibattito sulla cittadinanza dei giovani migranti

      • I tre giganti, Cina India e Stati Uniti

      • tutte le pubblicazioni

Avere figli in Italia: una questione di BES

Alessandra De Rose, Filomena Racioppi, Maria Rita Sebastiani
Benessere Equo e Sostenibile (BES)

Il reddito è importante, si sa, ma contano anche le condizioni di vita più generali che, nel loro insieme, concorrono a migliorare o peggiorare la qualità della vita. Questi aspetti (anche) extraeconomici sono, da relativamente poco tempo, oggetto di misurazione da parte dell’Istat attraverso una serie di indicatori del cd. benessere equo e sostenibile, o (continua...)

Longer and shifted reproductive lives amongst adolescent mothers

John Tomkinson

Le madri adolescenti sono atipiche non solo all’inizio della loro carriera riproduttiva, ma anche nelle fasi successive, caratterizzate da un ritmo più intenso ma più lento, osserva John Tomkinson. Piccole variazioni si osservano tra la fecondità successiva delle madri adolescenti sia in Francia, dove sono rare, sia in Inghilterra e Galles, dove rimangono più comuni. (continua...)

Tale padre, tale figlio? Uno sguardo alle statistiche sulla istruzione nei paesi OCSE

Francesco Chelli, Mariateresa Ciommi, Francesca Mariani, Maria Cristina Recchioni
istruzione nei paesi OCSE

Riproduzione sistematica delle disuguaglianze sociali e accesso limitato all’istruzione terziaria sono due facce della stessa medaglia: è questa la lettura che Francesco Chelli e colleghi offrono dei dati periodicamente forniti dall’Ocse sui livelli di istruzione conseguiti dalla popolazione degli stati membri. (continua...)

Studiare paga (anche in Italia)

Daniele Checchi
studiare

Studiare conviene, sia in termini di reddito (da lavoro e totale), sia in termini di probabilità di occupazione. Un osservatore “miope”, con un orizzonte temporale troppo corto (come potrebbe essere un ventenne che ragiona nell’arco dei successivi 10-15 anni) può ricavare l’impressione opposta, e quindi smettere troppo presto di studiare. (continua...)

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso: cosa se ne pensa in Italia

Giulia M. Dotti Sani

Dal giugno 2016 è in vigore la legge che ha introdotto nel nostro ordinamento l’istituto delle unioni civili con il riconoscimento giuridico della coppia formata da persone dello stesso sesso. Giulia M. Dotti Sani attraverso i dati della European Social Survey del 2017 racconta  cosa  pensano gli  italiani dei matrimoni tra persone dello stesso sesso, (continua...)

Work stress among older employees in Germany: effects on health and retirement age

Jana Mäcken

Un modo per affrontare l’invecchiamento della popolazione e le sue conseguenze negative sul sistema pensionisticio è di aumentare l’età minima alla pensione. Tuttavia, la maggior parte dei lavoratori dipendenti va in pensione prima dell’età prevista. Jana Mäcken testa l’ipotesi che lo stress da lavoro possa avere un effetto sull’età al pensionamento effettivo di tipo diretto (continua...)

Sesso: Marte e Venere stanno diventando sempre più simili?

Alessandra Minello, Marcantonio Caltabiano, Gianpiero Dalla Zuanna, Daniele Vignoli
sesso

La sessualità dei giovani italiani continua a modificarsi, divenendo sempre più simile a quella vissuta dai coetanei dell’Europa Settentrionale e Occidentale. Come raccontano Alessandra Minello e colleghi, comportamenti e opinioni rigardo al sesso di ragazzi e ragazze sono sempre più simili, anche se si osservano nuove differenze di genere, in particolare nei confronti dell’omosessualità. Prima (continua...)

Where, in India, is hospital birth safer for babies than home birth?

Diane Coffey
india

L’Obiettivo di Sviluppo sostenibile 3 mira a ridurre la mortalità nneonatale (NNM) a 12 decessi per 1000 nascite entro il 2030. Ridurre l’NNM in India è fondamentale per questo obiettivo perché questo paese conta il 27% dei decessi neonatali globali. Ricerche recenti, sintetizzate in questo articolo da Diane Coffey, suggeriscono che esiste una importante eterogeneità (continua...)