MENUMENU
  • i nostri esperti
  • temi trattati
      • Italia

      • geodemos

      • mondo

      • migrazioni e stranieri

      • famiglie fecondità e welfare

      • anziani, salute e mortalità

      • giovani, istruzione e lavoro

  • pubblicazioni
      • Geodemografia 2018. Tredici scritti per meglio comprendere il mondo

      • I suoi primi quarant’anni. L’aborto ai tempi della 194

      • Verso la metà del secolo: un’Italia più piccola?

      • ius soli e ius culturae. Un dibattito sulla cittadinanza dei giovani migranti

      • I tre giganti, Cina India e Stati Uniti

      • tutte le pubblicazioni

Dalla triennale alla magistrale: continua la “fuga dei cervelli” dal Mezzogiorno d’Italia

Massimo Attanasio, Marco Enea, Alessandro Albano

Guardando alla geografia della mobilità degli studenti meridionali negli anni accademici dal 2014/15 al 2017/18 nel passaggio dalla laurea triennale a quella magistrale, Massimo Attanasio, Marco Enea e Alessandro Albano rilevano che la fuga, già evidente nel passaggio dalle superiori all’università, continua anche in seguito: gli atenei del Mezzogiorno continuano a perdere iscritti potenziali a (continua...)

Quali atenei scelgono i diplomati del Mezzogiorno d’Italia?

Massimo Attanasio, Marco Enea, Andrea Priulla
studenti meridionali

La geografia della mobilità degli studenti meridionali nel passaggio dalle superiori all’università è qui analizzata nel periodo che va dal 2011/12 al 2016/17 (anni scolastici o accademici). I dati, analizzati da Massimo Attanasio, Marco Enea e Andrea Priulla mostrano una fuga allarmante, e persino crescente nel tempo, dal Mezzogiorno verso gli atenei del Centro-Nord. (continua...)

La regressione demografica italiana

Gianpiero Dalla Zuanna
nascite

L’Istat ha pubblicato il bilancio demografico del 2018. Il dato più preoccupante riguarda le nascite. Nel 2018 in Italia sono nati 440 mila bambini, 18 mila in meno rispetto al 2017 e 137 mila in meno rispetto al 2008. (continua...)

Internal migration is an effective risk management strategy for households in rural Tanzania

Rebecca Pietrelli, Pasquale Scaramozzino
Tanzania

Diverse spiegazioni sono state avanzate per far luce sulle decisioni individuali di migrare e sugli effetti della migrazione sul nucleo familiare d’origine. (continua...)

La diffusione di nuovi modelli familiari: quali conseguenze per le disuguaglianze di istruzione secondo l’origine sociale?

Raffaele Guetto, Nazareno Panichella
disuguaglianze di istruzione

Utilizzando dati ISTAT, Raffaele Guetto e Nazareno Panichella si domandano se la diffusione di nuovi modelli familiari abbia inasprito le disuguaglianze di istruzione secondo l’origine sociale. I figli che vivono in famiglie monogenitoriali o con due genitori conviventi hanno, in effetti, esiti scolastici peggiori rispetto ai figli di due genitori sposati. (continua...)

In Australia fertility is falling only for low educated women

Peter McDonald, Helen Moyle

Dal 2006 al 2016, la fecondità in Australia è rimasta costante per le donne con istruzione elevata mentre è diminuita drasticamente per le donne con istruzione bassa. Peter McDonald e Helen Moyle osservano che, in maniera simile a quanto sta accadendo nei paesi del Nord Europa, questa tendenza potrebbe riflettere la natura sempre più regressiva (continua...)

Quanti e chi sono gli occupati in famiglia?

Chiara Saraceno

La piccola ripresa dell’occupazione ha fatto diminuire le famiglie con persone in età da lavoro nelle quali nessuno è occupato, che però rimangono in numero consistente. Chiara Saraceno rileva il peggioramento della situazione nel Mezzogiorno, anche per quanto riguarda le famiglie con più componenti nelle quali uno solo è occupato. Bassa è, inoltre, la quota (continua...)

Dinamiche giovanili nel “vecchio” continente

Enrico Di Pasquale, Andrea Stuppini, Chiara Tronchin
condizione dei giovani

Sebbene tutta Europa sconti un calo demografico ed una diminuzione della componente giovane, la condizione dei giovani è nettamente peggiore nel Sud Europa rispetto al Nord. In conseguenza, osservano Enrico Di Pasquale, Andrea Stuppini e Chiara Tronchin, si allarga ulteriormente il divario all’interno della UE e si alimentano i flussi migratori intraeuropei da Sud a (continua...)