• Italia

      • geodemos

      • mondo

      • migrazioni e stranieri

      • famiglie fecondità e welfare

      • anziani, salute e mortalità

      • giovani, istruzione e lavoro

      • Geodemografia 2018. Tredici scritti per meglio comprendere il mondo

      • I suoi primi quarant’anni. L’aborto ai tempi della 194

      • Verso la metà del secolo: un’Italia più piccola?

      • ius soli e ius culturae. Un dibattito sulla cittadinanza dei giovani migranti

      • I tre giganti, Cina India e Stati Uniti

      • tutte le pubblicazioni

La continua ascesa delle nascite extranuziali: superata quota una su cinque

Neodemos
In Italia la quota di nascite al di fuori del matrimonio è aumentata ininterrottamente negli ultimi anni (fig. 1), tanto che il dato nazionale più recente (2007) si colloca oltre quota 20%, e arriva al 25% nel Nord. Tale crescita è un segnale indiretto dell’aumento delle convivenze, ed è quindi destinata verosimilmente a proseguire parallelamente alla diffusione di tale fenomeno nelle nuove generazioni[1] .

 

L’incremento dell’incidenza delle nascite extranuziali riguarda tutte le regioni italiane, anche se permangono forti differenziazioni tra nord e sud (tab. 1). Nelle regioni centro-settentrionali la crescita continua ad essere più intensa e i livelli raggiunti più alti: poco meno di un nato su tre in Trentino Alto Adige, Liguria, Emilia Romagna e Toscana, uno su quattro in Piemonte, Lombardia e Lazio, uno su cinque nelle rimanenti regioni.

Le regioni del Mezzogiorno rimangono invece caratterizzate da comportamenti più tradizionali. Anche qui, però, l’andamento risulta sensibilmente crescente. Si raggiungono livelli non più marginali, superiori al 10% in quasi tutte le regioni (escluse solo Calabria e Basilicata).

 
Tab. 1 Quota di nascite extranuziali nelle regioni italiane.

Regione
1999
2007
differenza
Piemonte

12,8%

25,1%

12,3%

Valle d’Aosta

17,4%

36,3%

19,0%

Lombardia

9,9%

23,7%

13,8%

Trentino-Alto Adige

18,7%

30,8%

12,1%

Veneto

8,6%

21,0%

12,4%

Friuli-Venezia Giulia

13,4%

21,7%

8,3%

Liguria

15,4%

29,7%

14,3%

Emilia-Romagna

15,8%

30,1%

14,2%

Toscana

13,0%

29,1%

16,1%

Umbria

7,9%

20,3%

12,4%

Marche

8,2%

20,1%

12,0%

Lazio

9,5%

26,0%

16,5%

Abruzzo

3,9%

14,4%

10,5%

Molise

4,2%

10,7%

6,5%

Campania

5,0%

10,6%

5,6%

Puglia

6,1%

11,8%

5,6%

Basilicata

2,8%

6,7%

4,0%

Calabria

3,8%

9,7%

5,8%

Sicilia

8,1%

14,1%

6,0%

Sardegna

8,6%

22,8%

14,3%

Italia
9,2%
20,8%
11,6%

Fonte: elaborazioni degli autori su dati Istat.


 
 

Se si passa, poi, a considerare la posizione dell’Italia nel quadro europeo, si nota come il nostro paese sia collocato tra quelli con incidenza più bassa di nascite fuori dal matrimonio. I valori più elevati si trovano nei paesi scandinavi e in Francia, dove il numero di nati da genitori non sposati è oramai maggioritario.

In tutti i paesi considerati (Fig. 2) il fenomeno risulta comunque in crescita, tranne che in Svezia dove sembra assestato, ma su valori particolarmente alti.


[1] Di Giulio P., Rosina A. (2007),  “Intergenerational family ties and the diffusion of cohabitation in Italy”, Demographic Research, vol. 16, n. 14, pp. 441-468.

image_pdfimage_print