MENUMENU
  • i nostri esperti
  • temi trattati
      • Italia

      • geodemos

      • mondo

      • migrazioni e stranieri

      • famiglie fecondità e welfare

      • anziani, salute e mortalità

      • giovani, istruzione e lavoro

  • pubblicazioni
      • Geodemografia 2018. Tredici scritti per meglio comprendere il mondo

      • I suoi primi quarant’anni. L’aborto ai tempi della 194

      • Verso la metà del secolo: un’Italia più piccola?

      • ius soli e ius culturae. Un dibattito sulla cittadinanza dei giovani migranti

      • I tre giganti, Cina India e Stati Uniti

      • tutte le pubblicazioni

Neodemos e i giovani: una discussione con Fabrizio Saccomanni (*). (*) grazie al Contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze

La Redazione

Anche quest’anno, come già nel 2010, Neodemos, grazie al contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze ed in collaborazione con la Fondazione Niels Stensen, organizza un dibattito pubblico su un tema demografico di rilevante interesse per la collettività. L’argomento quest’anno è la condizione giovanile, che, come più volte discusso anche sulle pagine del nostro sito, appare “bloccata”, in Italia più che nel resto del mondo industrializzato. I giovani, infatti, finiscono tardi gli studi, escono tardi di casa, tardi formano una coppia, e tardi mettono al mondo figli, se mai ne fanno. Cominciano tardi a lavorare, e, quando lavorano, rimangono a lungo precari e sottopagati, con implicazioni negative anche nel lungo periodo, ad esempio in termini di versamenti contributivi e quindi di pensioni future …
Fino a poco tempo fa, essere giovani non era la condizione più sfortunata: si poteva infatti essere giovani, donne e meridionali. Ma oggi può andare anche peggio: si può essere giovane e straniero, una condizione di svantaggio partendo dalla quale la strada dell’emancipazione e della piena cittadinanza appare ancora più impervia. Ma questi ostacoli e questi ritardi non sono un danno solo per i singoli che vi si trovano coinvolti: è tutta la società, nel suo complesso a soffrirne.
Come siamo arrivati a questo punto? E’ solo colpa “del sistema”? E cosa si può e si deve fare per invertire la rotta?
Del problema, delle sue cause, delle conseguenze e dei possibili rimedi parleranno in primo luogo Alessandro Rosina, Cinzia Conti e Stefano Molina, e poi l’ospite d’onore della serata: Fabrizio Saccomanni, Direttore Generale della Banca d’Italia, stimolato al dibattito da Massimo Livi Bacci e da Padre Ennio Brovedani sj.
Coerentemente poi con il tema scelto avverrà la premiazione dei giovani che si sono cimentati con proposte di articoli per il Secondo Concorso Neodemos.
 
Vi aspettiamo, dunque, martedì 25 Ottobre 2011, alle ore 18.00, presso l’Istituto Niels Stensen in Viale Don Minzoni 25/c a Firenze.
I posti saranno limitati perciò nei prossimi giorni saranno comunicate le modalità di iscrizione online all’indirizzo segreteria@stensen.org per poter partecipare.
 
 

image_pdfimage_print