Popolazione mondiale:

Popolazione italiana:

Giovani (0-19 anni):

Anziani (60+ anni)

L’Africa e la sovrappopolazione

Per gran parte della nostra storia, la popolazione umana è cresciuta lentamente. Fino a quando le nuove scoperte ci hanno portato più cibo e ci hanno fatto vivere più a lungo. In soli cento anni la popolazione umana è quadruplicata. Ciò ha portato a visioni apocalittiche della Terra sovraffollata. Ma il tasso di crescita della popolazione ha effettivamente raggiunto il picco negli anni ’60. Da allora, i tassi di fertilità sono crollati mentre i paesi si industrializzavano e si sviluppavano. Ora si presume che la popolazione mondiale si bilancerà intorno agli 11 miliardi di persone entro la fine del secolo. Ma il quadro generale nasconde alcuni dettagli. Vediamo in particolare una regione: L’Africa sub-sahariana. Nel 2019 è stata la casa di un miliardo di persone che vivono in 46 paesi diversi. Sebbene il suo tasso di crescita sia rallentato negli ultimi decenni, è ancora molto più alto rispetto al resto del mondo. Se alcune proiezioni prevedono circa 2,6 miliardi di persone, altre calcolano fino a 5 miliardi di persone entro il 2100. Tale crescita sarebbe una grande sfida per qualsiasi società, ma l’Africa sub-sahariana è anche la regione più povera della terra. Quindi l’Africa sub-sahariana è condannata? E perché le proiezioni variano di 2,4 miliardi di persone?

BY – Kurzgesagt In a Nutshell

PDFSTAMPA

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sostieni Neodemos


Cara Lettrice e caro Lettore, fare buona e seria divulgazione è il mestiere che esercitiamo da 15 anni con impegno e entusiasmo e, ci dicono, con autorevolezza. Dacci una mano a fare il nostro lavoro e rafforza la nostra indipendenza con un contributo, anche piccolo. Ci aiuterà a sostenere i costi di Neodemos, e ci incoraggerà a far meglio.

Grazie!

Iscriviti alla nostra newsletter


Due volta la settimana, riceverai una email che ti segnalerà i nostri aggiornamenti


Leggi l'informativa completa per sapere come trattiamo i tuoi dati. Puoi cambiare idea quando vuoi: ogni newsletter che riceverai avrà al suo interno il link per disiscriverti.

Potrebbero interessarti anche