Popolazione mondiale:

Popolazione italiana:

Giovani (0-19 anni):

Anziani (60+ anni)

Cittadini si nasce e cittadini si diventa

Nel 2010, 40.223 stranieri hanno ottenuto la cittadinanza italiana: un numero considerevole, se si pensa che appena 10 anni fa, nel 2000, furono poco più di 10.000. Che il numero delle concessioni di cittadinanza si sia quadruplicato nell’arco di un decennio non deve meravigliare, perché durante lo stesso periodo si è quadruplicato anche il numero degli stranieri regolarmente residenti nel paese, cioè di coloro che hanno titolo (se in possesso dei requisiti richiesti) ad avanzare istanza di cittadinanza. In Italia si può diventare cittadini, secondo legge 91/1992, per matrimonio (art. 5 della legge) o per residenza (art. 9). Nel primo caso, il requisito per avanzare istanza per lo straniero – coniuge di cittadino italiano – è che siano trascorsi due anni dal matrimonio, se la residenza è in Italia; o che ne siano trascorsi tre, se la residenza è all’estero. Nel caso dell’art. 9, la cittadinanza può essere acquisita dopo 4 anni di legale residenza nel paese se lo straniero è cittadino di un altro stato dell’Unione Europea, o dopo 10 anni di residenza se è cittadino non comunitario. Altre disposizioni riguardano gli apolidi, i figli di genitori, o nipoti di nonni, cittadini italiani; gli stranieri  che hanno reso “eminenti servizi all’Italia”.

 

Sono molti o sono pochi 40.000 nuovi cittadini?

In linea di massima, il numero delle concessioni di cittadinanza dipende da tre variabili fondamentali: a) il numero degli stranieri nel paese, e la loro composizione in funzione della durata della residenza nel paese; b) la normativa per il soggiorno regolare (se orientata verso soggiorni brevi o lunghi ecc.); c) le regole giuridiche esistenti per l’acquisizione della cittadinanza (quali i requisiti per ottenerla o la complessità e durata delle procedure). Se il numero degli stranieri regolari è un dato generalmente abbastanza attendibile, assai più complesso è tener conto delle legislazioni, molto diverse da paese a paese. Tuttavia, qualche rozzo confronto internazionale è possibile. Senza entrare nel dettaglio, si possono confrontare i rapporti tra concessioni di cittadinanza e stock di stranieri in 20 paesi europei nel 1999 e nel 2008 (ultimo anno con dati disponibili) 1. Ebbene, nel 1999, l’Olanda fu il paese più generoso con 9,4 nuovi cittadini per 100 stranieri, il Lussemburgo il  più avaro, con 0,4, e l’Italia era al 18° posto (su 20) con 1; la media era pari a 3,4. Nel 2008, il paese più generoso fu la Svezia (5,4%), il più avaro la Repubblica Ceca (0,5%), l’Italia era al 16° posto, con il solito 1% e la media europea 2,7%. I dati confermano che l’acquisizione della cittadinanza in Italia è assai più rara (circa un terzo) della media dei paesi europei, conseguenza di una legislazione restrittiva e piuttosto tortuosa (la durata media delle procedure è assai lunga).

 

Il matrimonio cede il passo alla residenza    

In passato, il matrimonio era la ragione dominante per l’acquisizione della cittadinanza: ancora nel 2006, le acquisizioni ex art. 5 erano l’84% del totale e nel 2007 l’82%; scendevano al 63% nel 2008, al 43%  nel 2009 e al 46% nel 2010. La tabella 1 riporta i dati (2010) relativi ai 10 paesi con il maggior numero di acquisizioni di cittadinanza italiana, con in testa Marocco, Albania e Romania: non è una sorpresa, perché si tratta anche dei tre paesi con maggior numero di residenti nel nostro paese. E’ invece interessante notare che a fronte di una media del 46% di nuovi cittadini per matrimonio, per alcuni paesi – essenzialmente dell’est europeo e latino- americani – il matrimonio (in gran maggioranza donne)  è ancora di gran lunga la causa assolutamente prevalente. Così è per gli ucraini (95%), per i russi (87%), per i brasiliani (92%) e – per alcune nazionalità non tra le 10 più numerose – per Bielorussia (98%), Cuba e Moldova (97%), Venezuela (92%). L’83% delle acquisizioni di cittadinanza per matrimonio ha riguardato le donne, ma questa percentuale sale al 99% per Russia, Moldavia, Bielorussia. Per i paesi dell’Europa orientale, dai quali proviene la maggioranza di donne “badanti”, il matrimonio resta la quasi esclusiva via d’accesso alla cittadinanza. Si conferma l’antica regola secondo la quale l’ascesa sociale per matrimonio (e, molto spesso, il matrimonio tra cittadini stranieri e cittadini italiani significa ascesa per i primi) è molto più frequente per le donne che per gli uomini.

            Dalla tabella 1 si desume anche il rapporto percentuale – per ciascuna nazionalità – tra nuovi cittadini e residenti in Italia. Nella media, nel 2010, quasi l’1% dello stock di stranieri residenti è divenuto italiano, con un massimo del  3,2%  per l’origine brasiliana e un minimo dello 0,4% per l’origine rumena.   

 

Tabella 1 – Paesi col maggior numero di procedimenti conclusi favorevolmente, 2010

Paese Totale procedimenti favorevoli Matrimonio L.91/192, art.5. Residenza L. 91/192, art.9 % matrimonio Totale residenti 01/01/2010 Procedimenti favorevoli per 100 residenti
Marocco 6952 2135 4817 30,7 431529 1,61
Albania 5628 1166 4462 20,7 466684 1,21
Romania 2929 1570 1359 53,6 796477 0,37
Perù 1377 589 788 42,8 87747 1,57
Brasile 1313 1210 103 92,2 41535 3,16
Tunisia 1215 373 842 30,7 103678 1,17
Ucraina 1033 984 49 95,3 174129 0,59
Polonia 974 657 317 67,5 105608 0,92
Egitto 912 341 571 37,4 82064 1,11
Russia 861 745 116 86,5 87308 0,99
Primi 10 23194 9770 13424 42,1 2376759 0,98
Altri 17029 8823 8206 51,8 1858900 0,92
Totale 40223 18593 21630 46,2 4235659 0,95

Nota: I totali residenti di Brasile e Russia sono al 1.1.2009 e il totale dei “primi 10″utilizza tali cifre.

Fonte: Ministero dell’Interno, Istat

 

 Pochi dati, molte curiosità  

Il Ministero dell’Interno pubblica anche sommarie e semplici tabelle con dati secondo grandi fasce di età e grado di istruzione, che però non permettono né incroci con altre variabili, né analisi dettagliate2. Se fossero resi disponibili i dati individuali sarebbe possibile fare analisi assai più significative, e non solo per soddisfare la curiosità dei ricercatori. Si pensi infatti ad un semplice fatto: nel 2010, le 40.000 concessioni di cittadinanza costituivano l’8% dei nuovi cittadini per filiazione: cioè del circa mezzo milione di bambini nati da genitori italiani. Fino agli anni ’90, questa proporzione non arrivava al 2%. Insomma oggi l’Italia – intesa come collettività di cittadini – si rinnova per una quota significativa, e crescente, mediante il processo giuridico di acquisizione della cittadinanza. Tutti vorremmo sapere molto, molto di più sulle caratteristiche dei nuovi italiani.

            Per concludere: l’Italia è un paese che ancora per qualche decennio avrà una forte immigrazione ma – come si è visto – converte in cittadini una proporzione assai più modesta di stranieri di quanto non avvenga in altri paesi. E poiché la condizione di straniero è associata – soprattutto per i meno abbienti – a forme di esclusione (politica, giuridica, e non solo), il paese corre il rischio di ospitare una quota crescente di persone mantenute in una condizione di perenne diversità. Non è la via giusta per una società che tutti vogliono coesa ed equilibrata.

 

 

1 – OECD, International Migration Outlook: Sopemi 2010, Parigi, 2010

2 –  Si veda al sito: http://www.interno.it/mininterno/export/sites/default/it/temi/cittadinanza/sottotema008.html

 

PDFSTAMPA

Condividi questo articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sostieni Neodemos


Cara Lettrice e caro Lettore, fare buona e seria divulgazione è il mestiere che esercitiamo da 15 anni con impegno e entusiasmo e, ci dicono, con autorevolezza. Dacci una mano a fare il nostro lavoro e rafforza la nostra indipendenza con un contributo, anche piccolo. Ci aiuterà a sostenere i costi di Neodemos, e ci incoraggerà a far meglio.

Grazie!

Iscriviti alla nostra newsletter


Due volta la settimana, riceverai una email che ti segnalerà i nostri aggiornamenti


Leggi l'informativa completa per sapere come trattiamo i tuoi dati. Puoi cambiare idea quando vuoi: ogni newsletter che riceverai avrà al suo interno il link per disiscriverti.

Potrebbero interessarti anche