• Italia

      • geodemos

      • mondo

      • migrazioni e stranieri

      • famiglie fecondità e welfare

      • anziani, salute e mortalità

      • giovani, istruzione e lavoro

      • Geodemografia 2018. Tredici scritti per meglio comprendere il mondo

      • I suoi primi quarant’anni. L’aborto ai tempi della 194

      • Verso la metà del secolo: un’Italia più piccola?

      • ius soli e ius culturae. Un dibattito sulla cittadinanza dei giovani migranti

      • I tre giganti, Cina India e Stati Uniti

      • tutte le pubblicazioni

Nuovi stranieri e nuovi Italiani

Cinzia Conti

Qualche giorno fa l’Istat ha pubblicato il comunicato su “La popolazione straniera residente in Italia al 1° gennaio 2009 ”.

I cittadini stranieri residenti in Italia sono ormai arrivati a 3,9 milioni, pari al 6,5% del totale dei residenti.

La popolazione straniera non soltanto continua a crescere (13,4% in più tra 2008 e 2009), ma si trasforma rapidamente, acquisendo nuove caratteristiche sia rispetto alla struttura per età (si registra un crescente numero di minori stranieri), sia con riguardo alla composizione per cittadinanza.

Collettività in passato poco presenti scalano velocemente la graduatoria delle cittadinanze più rappresentate nel nostro Paese. I moldavi, ad esempio, con un incremento del 30%, tra il 2008 e il 2009 sono passati da 69 a 89 mila, diventando la decima cittadinanza per numero di residenti: non erano neanche 7 mila, nel 2002. Si tratta in questo caso di un’immigrazione silenziosa che non desta scalpore per sbarchi drammatici o fatti di cronaca legati alla criminalità, ma che rapidamente si sta affermando come una delle più rilevanti in Italia.

Le recenti statistiche dell’Istat segnalano non solo la presenza di nuovi stranieri, ma anche quella di un numero sempre più consistente di persone che lasciano la condizione di straniero per diventare italiani: nel 2008 si sono registrate quasi 54 mila acquisizioni di cittadinanza, oltre 8.000 in più rispetto al 2007. Certo in Italia, in confronto ad altri paesi europei, coloro che acquisiscono la cittadinanza sono ancora un numero contenuto, ma il fenomeno cresce rapidamente.

I dati recenti ci dicono quindi di continuare a osservare i fenomeni migratori studiandone le rapide trasformazioni, ma ci suggeriscono anche di prestare maggiore attenzione a nuovi fenomeni e categorie, collegati con quello dell’immigrazione, ma caratteristici di un Paese, ormai, non più “nuova meta di immigrazione” , come si diceva fino a qualche anno fa, ma sempre più spesso terra di accoglienza di “nuovi cittadini”.

 

Tabella – Popolazione straniera residente per sesso, area geografica e principali paesi di cittadinanza, al 1° gennaio 2009

 

Cittadinanze

Totale

Incidenza percentuale

M/F*100

 

 

 

 

Romania

796477

20,5

88,2

Albania

441396

11,3

121,2

Marocco

403592

10,4

137,6

Cina,Rep.Pop.

170265

4,4

109,1

Ucraina

153998

4,0

25,2

Filippine

113686

2,9

72,0

Tunisia

100112

2,6

178,6

Polonia

99389

2,6

42,8

India

91855

2,4

144,7

Moldova

89424

2,3

50,5

Macedonia,ex Rep.Jugos.

89066

2,3

132,7

Ecuador

80070

2,1

68,5

Peru’

77629

2,0

66,1

Egitto

74599

1,9

230,0

Sri Lanka

68738

1,8

124,7

Senegal

67510

1,7

369,3

Totale 16 paesi

2917806

75,0

99,1

TOTALE

3891295

100,0

96,8

Fonte: Istat, 2009

 

 

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’Autrice ma non coinvolgono l’Istituzione di appartenenza

 

image_pdfimage_print