• Italia

      • geodemos

      • mondo

      • migrazioni e stranieri

      • famiglie fecondità e welfare

      • anziani, salute e mortalità

      • giovani, istruzione e lavoro

      • Geodemografia 2018. Tredici scritti per meglio comprendere il mondo

      • I suoi primi quarant’anni. L’aborto ai tempi della 194

      • Verso la metà del secolo: un’Italia più piccola?

      • ius soli e ius culturae. Un dibattito sulla cittadinanza dei giovani migranti

      • I tre giganti, Cina India e Stati Uniti

      • tutte le pubblicazioni

Longevità, vecchiaia, salute: il nuovo e-book di Neodemos

La Redazione
longevità

In questo numero di Neodemos, pubblichiamo un’e-book su Longevità, vecchiaia, salute, a cura di Silvana Salvini, che raccoglie ed organizza i contributi più significativi sull’argomento apparsi su Neodemos negli ultimi tre anni. A Generali, che ha appoggiato generosamente questa nuova iniziativa, rinnovando il sostegno che lo scorso anno ci ha permesso di pubblicare l’e-book Le migrazioni al tempo della crisi, va il più vivo ringraziamento di Neodemos. E viva riconoscenza abbiamo per Silvana Salvini, una studiosa ed un’amica che numerose volte ha pubblicato articoli sulla nostra testata, che ha curato l’e-book, selezionando i contributi, organizzandoli e coordinandoli con pagine introduttive.

In Longevità, vecchiaia, salute, si affrontano temi cruciali per lo sviluppo e l’organizzazione delle moderne società. Per esempio, nei paesi più avanzati – e fortunatamente l’Italia si trova nella pattuglia di testa – continua ad estendersi la longevità, e la speranza di vita delle donne si sta oramai avvicinando ai 90 anni. Le cause di questo progresso sono molteplici, di natura bio-medica, sociale, psicologica, ambientale, o comportamentale, e resta aperto l’interrogativo circa l’esistenza di un limite all’espansione della longevità. Le conseguenze culturali, sociale ed economiche di una società dei “100 anni” sono tutte da studiare, ma cruciale sarà l’evoluzione delle condizioni di vita, dello stato di salute, delle capacità cognitive dei molto anziani, che costituiranno una proporzione crescente della popolazione. Si sta inoltre producendo un mutamento profondo nei rapporti tra generazioni e nei processi di trasmissione della cultura e delle risorse, tra una generazione e l’altra. Il ruolo dei nonni ne risulta rafforzato, con effetti positivi sotto il profilo sociale od economico, ma anche negativi per quanto riguarda l’innovazione ed il dinamismo sociale.

Sono 25 i contributi raccolti, suddivisi in cinque sezioni, che affrontano una molteplicità di temi e offrono una gran varietà di punti di vista, utili anche per disegnare le politiche sociali. Neodemos continuerà a seguire con attenzione questi temi. In particolare ci piacerebbe riuscire a mettere a confronto le opinioni degli scienziati – genetisti, biologi, farmacologi, medici, ma anche studiosi di fenomeni sociali – circa il futuro della longevità. Ci spinge a questo una constatazione interessante: quasi tutti gli studiosi che nell’ultimo mezzo secolo hanno fatto previsioni circa l’esistenza di una “durata limite” della longevità, sono stati smentiti dalla concreta evoluzione della speranza di vita che ha superato tali limiti. Questa esperienza ha reso tutti più prudenti. Porre a confronto opinioni diverse sul tema da esperti di varia estrazione sarebbe sicuramente di grande interesse.

scarica il pdf

 

 

 

image_pdfimage_print