• Italia

      • geodemos

      • mondo

      • migrazioni e stranieri

      • famiglie fecondità e welfare

      • anziani, salute e mortalità

      • giovani, istruzione e lavoro

      • Geodemografia 2018. Tredici scritti per meglio comprendere il mondo

      • I suoi primi quarant’anni. L’aborto ai tempi della 194

      • Verso la metà del secolo: un’Italia più piccola?

      • ius soli e ius culturae. Un dibattito sulla cittadinanza dei giovani migranti

      • I tre giganti, Cina India e Stati Uniti

      • tutte le pubblicazioni

Famiglie flessibili. L’arte di arrangiarsi ai tempi della crisi.

La Redazione
famiglie

Sono oggi povere di risorse materiali, povere di equilibrio, povere di protezione sociale, povere di tempo, povere di competenze e, forse, anche povere di sogni. Le famiglie italiane vedono oggi messa a dura prova la loro tradizionale “arte di arrangiarsi”, quella capacità di mostrarsi flessibili e di adattarsi alle necessità delle diverse fasi della vita, ai mutamenti nella gestione dei tempi quotidiani e degli equilibri intergenerazionali, che per lungo tempo ha sopperito (e forse giustificato) le mancanze del welfare. Certo, lungi dall’essere una istituzione statica e cementificata, la famiglia si riadatta alle trasformazioni sociali ed economiche in atto: si muove, si trasforma, si flessibilizza. Piuttosto che crisi della famiglia, si fa largo l’idea che la famiglia sia la risorsa principale per fronteggiare la crisi. Tuttavia, i dati ci dicono che questo non sta bastando. Sulle famiglie viene scaricata la responsabilità di cura dei bambini, degli anziani, dei disabili e dei giovani che faticano ad entrare nel mercato del lavoro. Sono necessari cambiamenti rilevanti nel sistema di welfare italiano, che si muove troppo lentamente rispetto ai cambiamenti che attraversano oggi il tessuto economico e occupazionale del Paese, mostrando le proprie lacune con ancor maggiore evidenza.

L’ebook “Famiglie flessibili. L’arte di arrangiarsi ai tempi della crisi”, a cura di Rossella Ghigi e Roberto Impicciatore, intende esplorare le diverse dimensioni di questa flessibilità, darne una stima e, soprattutto, misurarne gli effetti in termini di cambiamento demografico. I capitoli offrono una raccolta organizzata e ragionata del cospicuo materiale disponibile sul sito Neodemos.it, che rappresenta una fonte accurata dei mutamenti demografici occorsi negli ultimi anni in Italia e che tratta ampiamente il tema delle famiglie. Il volume si struttura in quattro capitoli che presentano contributi pubblicati nell’arco degli ultimi tre anni. Il primo capitolo traccia il quadro delle principali dinamiche che caratterizzano le strutture famigliari italiane degli ultimi decenni. Nel secondo si cerca di capire l’impatto della crisi economica su queste dinamiche, in particolare sui livelli di fecondità. Il terzo capitolo sposta l’attenzione sugli equilibri di genere e sulla vita quotidiana in seno alle famiglie italiane, mentre il quarto e ultimo capitolo si sofferma, invece, sull’importanza del sistema di welfare e del sostegno pubblico. Ogni capitolo presenta in chiusura una scheda di approfondimento in cui vengono richiamati e brevemente riassunti altri articoli apparsi su Neodemos, con una particolare attenzione alle fonti di dati. Lo scopo di queste schede è quello di mostrare un possibile utilizzo del contenuto del sito, suggerendo alcuni percorsi di lettura su temi specifici legati a famiglia e fecondità.

Sulla stessa linea dei precedenti e-book, questo volume si pone come obiettivo quello di contribuire al pubblico dibattito combinando i risultati più recenti della ricerca scientifica con un linguaggio semplice e divulgativo che possa coinvolgere anche i non addetti ai lavori.

image_pdfimage_print