MENUMENU
  • i nostri esperti
  • temi trattati
      • Italia

      • geodemos

      • mondo

      • migrazioni e stranieri

      • famiglie fecondità e welfare

      • anziani, salute e mortalità

      • giovani, istruzione e lavoro

  • pubblicazioni
      • Geodemografia 2018. Tredici scritti per meglio comprendere il mondo

      • I suoi primi quarant’anni. L’aborto ai tempi della 194

      • Verso la metà del secolo: un’Italia più piccola?

      • ius soli e ius culturae. Un dibattito sulla cittadinanza dei giovani migranti

      • I tre giganti, Cina India e Stati Uniti

      • tutte le pubblicazioni

In Cina è in atto il più grande fenomeno di urbanizzazione della Storia

Antonio Cappiello

Si stima che in Cina, nei prossimi quindici anni, circa duecento milioni di persone migreranno dalle zone rurali a quelle urbane (Yusuf and Saich, 2008), portando la popolazione urbana al 50% circa del totale nazionale. È il più grande fenomeno di migrazione interna della storia.

La lunga marcia (verso la città)
I primi segni di urbanizzazione si possono già notare, andando a ritroso nel tempo, intorno  a quattromila anni fa, quando sorsero numerosi i primi grandi villaggi neolitici lungo i principali corsi d’acqua cinesi. Alla fine del 1940 esistevano in Cina circa settanta città, ma oggi se ne contano 670, grandi, di cui 89 con una popolazione di oltre un milione di abitanti. La Cina supera quindi gli Stati Uniti, l’Europa e l’India che contano rispettivamente 37, 35 e 32 città con più di un milione di abitanti (fig. 1).
Nel contesto mondiale del fenomeno di urbanizzazione, la Cina giocherà un ruolo molto importante sia per le enormi dimensioni della propria popolazione, sia per la velocità con cui si sta verificando la migrazione verso le aree urbane. Nel 1980 la popolazione urbana cinese ammontava a 191 milioni, oggi conta circa 594 milioni. L’enorme flusso di popolazione verso le città potrebbe far aumentare la disuguaglianza tra zone rurali e urbane. Le scelte strategiche dei policymakers dovranno quindi concentrarsi su entrambe le zone. Lo sviluppo rurale, infatti, rimane un elemento cruciale per le economie agricole; il rapido sviluppo delle industrie e dei servizi dell’area urbana costituiscono invece la fonte principale di crescita per l’economia nazionale.

Gestire l’urbanizzazione
Per certi aspetti, la Cina sembra essere riuscita a gestire il fenomeno di urbanizzazione con relativo successo, anche grazie alla canalizzazione del flusso migratorio verso piccoli e medi centri urbani. Tuttavia, nonostante il sistema unico di registrazione delle abitazioni (Hukou) abbia ridotto la migrazione permanente verso le città, esso ha creato un enorme flusso di migrazione temporanea, che ha dato vita ad una fascia di residenti urbani (noti come “floating population”) con  diritti limitati. Per avere un’idea dell’enorme portata del fenomeno di urbanizzazione che sta avvenendo in Cina a partire dalle riforme economiche iniziate nel  1978, basta pensare che oggi nel mondo, circa 1 persona su 25 è nata o arrivata in un’area urbana cinese. Alcuni studiosi hanno analizzato i principali fattori che spingono la popolazione verso le aree urbane e credono che, in futuro, la tendenza all’urbanizzazione potrebbe essere frenata dall’industrializzazione rurale. Altri pensano invece che i motivi principali che spingono alla migrazione verso le città siano da ricercarsi non solo nei più alti salari ma anche nelle ambizioni per attività imprenditoriali che possano dare spazio alla voglia di creatività economica dei cittadini delle nazioni in via di sviluppo. I migranti sembrano relativamente indifferenti a molti aspetti della qualità di vita urbana e quindi sostengono l’ipotesi secondo cui sarebbe essenzialmente la motivazione imprenditoriale economica a spingere i migranti verso le città.

Tabella 1. Percentuale della popolazione delle aree urbane in alcuni paesi asiatici, 1980–2005

Paese 1980 1985 1990 1995 2000 2005
Cina 19,6 23,0 27,4 31,4 35,8 42,9
India 23,1 24,3 25,5 26,6 27,7 28,7
Indonesia 22,1 26,1 30,6 35,6 42 48,1
Pakistan 28,1 29,3 30,6 31,8 33,1 34,9

Fonte: NBS 2006; Banca Mondiale 2006

Tabella 2. Popolazione urbana in Cina  e in Asia Orientale, 1960-2005.(milioni)

Anni Cina Asia Orientale
1960
 
130,7 86,2
1970 144,2 125,2
1980
 
191,4 177,6
1990
 
302,0 241,1
2000
 
459,1 314,2
2005
 
562,1 352,4

Fonti: Dati per l’Asia Orientale (Banca Mondiale, 2006).
Dati per la Cina (Fang 1990, Pannell 2003, e NBS 2006).
Note: L’Asia Orientale include Hong Kong

Per saperne di più
Fang, Shan (1990) “Urbanization in Mainland China.” Issues & Studies 26 (2): 118–33.
World Bank (2006) China Data and Statistics

NBS (National Bureau of Statistics) (2006) http://www.stats.gov.cn/english
Pannell C W (2003) China‘s demographic and urban trends for the 21st century Eurasian Geography and Economics 44
Shahid Yusuf and Tony Saich (2008), DIRECTIONS IN DEVELOPMENT, Countries and Regions – China Urbanizes: Consequences, Strategies and Policies, East Asia’s Economic Prospects; World Bank, Washington DC http://siteresources.worldbank.org/INTEAECOPRO/Resources/3087694-1206446474145/China_Urbanizes_Complete.pdf

image_pdfimage_print